AppEconomy

Posted by Stefano |17 Mar 11 | 1 comments

Le Apps stanno rivoluzionando la vita degli utenti di smartphones. L’AppEconomy è un fenomeno nato nel 2008 con la presentazione dell’App Store di Apple che, dopo aver scosso il mercato della telefonia con l’iPhone, ha permesso agli utenti di customizzare i propri telefoni attraverso le Apps.

Al Raduno Utenti Mac del Veneto ho tenuto uno speech dedicato all’AppEconomy con lo scopo di discutere con i presenti dell’effetto prodotto dalle App nelle abitudini degli utenti e provare ad immaginare il futuro prossimo.

Raduno Utenti Mac del Veneto: AppEconomy

Ho iniziato il keynote in modo semplice partendo dalla definizione di App presa da Wikipedia che dice:

“Con il termine App si indica un’applicazione software, sia ludica che di utilità, per dispositivi Smartphones, palmari o più recentemente per Tablet”.

Si tratta di una definizione accurata e che rispecchia il vero concetto di App ma, a mio avviso, il vero significato è molto più semplice e può essere riassunto nel seguente modo:

“Le App sono software per fare … qualche cosa”

Infatti, dalla loro introduzione, gli smartphones sono diventati dei veri e propri computer ultra portatili in cui, grazie all’installazione delle più svariate apps, gli utenti sono in grado di fare qualsiasi cosa in mobilità e soddisfare le proprie esigenze. A testimonianza di questa mia definizione ho descritto la mia esperienza quotidiana con le App che dal “lontano” 2008 è cambiata; infatti, da allora ho iniziato a scaricare la posta sull’iPhone, appena dopo aver spento la sveglia, leggo le prime notizie sui quotidiani più diffusi in italia come le App durante la colazione per poi continuare la mia giornata attraverso altre applicazioni come twitter e facebook per la mia vita sociale ed evernote per revisionare i post del mio blog, scrivere delle note e poi usare Things per gestire la sempre lunga to-do list di attività da fare.

Dopo il racconto della mia vita quotidiana,  ho condiviso (slide 5) con i partecipanti le App che reputo essenziali per la vita in mobilità:

passando poi a descrivere, attraverso le slide dalla 6 alla 8, un po di statistiche a conferma del cambiamento tecnologico indotto dalle Apps.

I numeri statistici più interessanti provengono dalla recente Mobile World Conference 2011 in cui è stato dichiarato che le App hanno superato le funzioni tradizionali della telefonia (SMS, Telefonate ecc). Infatti, il record  dei famosissimi 670 minuti al mese trascorsi dagli utenti per scrivere SMS è stato eguagliato dal tempo trascorso dalle persone all’interno di App.

Questo trend sembrerebbe confermare la tesi riportata dal direttore di Wired USA, nel numero di novembre, in cui affermava che “Il Web è Morto a causa delle Apps” (Slide 9)…

Questa affermazione è evidentemente una provocazione in quanto il Web non è morto ma, grazie alle App, ha avvicinato ancora di più gli utenti alla rete, permettendo loro di usufruire di nuovi servizi che fino ad ora risultavano sconosciuti alla maggior parte delle persone; in più le App hanno permesso agli utenti di fruire dei contenuti del web in modo nuovo e più intuitivo.

Come ho cercato di evidenziare nella slide 11, il binomio App + Web garantisce all’utente:

  • Online: di rimanere sempre più connesso al web ed interagire sempre di più con esso accedendo a contenuti in modo semplice e con una modalità diversa rispetto al modo tradizionale di consultare il web (Browser).
  • Semplicità: le app permettono di accedere ai contenuti, servizi ecc più facilmente e con più intuitività e velocità che in passato.
  • Nuova Fruizione dei contenuti: l’utente sta imparando ad utilizzare le App per fruire i contenuti in modo diverso e con sistemi che sfruttano le potenzialità del dispositivo.
  • Cloud computing: L’utente sta usando sempre più servizi basati sul cloud computing (evernote, dropbox ecc) e servizi di Geotagging per indicare il luogo in cui vengono svolte le attività.
  • Indipendenza: Le app garantiscono un elevato grado di indipendenza in quanto le App sono interagiscono poco tra di loro.

A questo punto è stato doveroso fare un paragone tra il Web e le App… senza dilungarmi troppo, riporto nel seguito solo gli aspetti veramente fondamentali che distinguono questi due mondi ma che allo stesso tempo li avvicinano come indicato prima. Le differenze principali sono:

  • Il Web è Open in quanto le regole sono decise da un organismo no-profit (W3C) con un processo di standardizzione a cui hanno accesso svariate aziende del settore, mentre le App sono chiuse le regole decise da una singola azienda. Quindi i pro del web sono regole trasparenti e condivise da tutti mentre le app garantiscono un’innovazione più rapida.
  • Il web in questi anni, grazie all’utilizzo di tecnologie come Javascript, Ajax ecc, consente molta più interattività agli utenti ma le App hanno sempre una maggiore interattività perchè in grado di sfruttare al massimo le potenzialità hardware del dispositivo in quanto sviluppate sfruttando il linguaggio di programmazione nativo del sistema operativo.

A questo punto il discorso si è spostato più verso la visione futura dei dispositivi mobili e dei loro sistemi operativi cercando di interpretare un po di segnali del mercato… infatti, richiamando una slide utilizzata da Steve Jobs in un suo keynote, iOS è stato sviluppato partendo da Mac OSX ed integrato in iPhone prima e poi nell’iPad; ora, iOS sarà integrato in Lion indice che il futuro di Personal Computer e dispositivi mobili sarà destinato ad integrarsi sempre di più…

Proprio per queste ragioni, e per tutto quello detto in precedenza, il futuro che immagino (e che ho anticipato in un post di qualche mese fa) è costituito da dispositivi mobili sempre connessi ad internet ed  a reti cloud private per la gestione dei dati in mobilità e poi, quando si rientra in casa o in ufficio, si collega l’iPad o iPhone ad un monitor e tastiera per lavorare come su un normale personal computer attuale, ma sfruttando le risorse hardware del dispositivo mobile che stanno diventando sempre più potenti.

A questo punto è iniziata una lunga ed interessante discussione sulle varie opinioni, abitudini e previsoni!

Voi cosa ne pensate della AppEconomy? Come immaginate il futuro??




1 Response

Leave a Reply