Migliorare le ricerche con la funzione location

Posted by Stefano |28 Feb 10 | 8 comments

Per chi temeva che Google si fosse dimenticato delle sue origini cioè dell’attività di Searching si deve ricredere. Infatti, dopo il realtime search gli ingegneri di Google hanno reso disponibile una nuova funzione di ricerca che permette di integrare nei risultati  una posizione geografica definita dall’utente.
Fino a qualche settimana fa, questo tipo di ricerca era riservato al mondo mobile, mediante smartphone come iPhone, HTC Magic e Nexus One, ed ora è possibile eseguire questo tipo di ricerca anche da un computer qualsiasi.

Infatti, la localizzazione geografica è diventata un parametro importante nei fattori di ricerca per gli utenti del Web; per esempio, se stiamo cercando un ristorante di pesce o una pizzeria dove andare nel fine settimana risulterà molto utile indicare tra i parametri di ricerca anche il luogo dove focalizzare la ricerca di questi argomenti; così facendo sarà possibile veder apparire nel ranking dei risultati i ristoranti di pesce e/o le pizzerie più vicine alla nostra posizione.

Per utilizzare questa funzione (attualmente disponibile soo su Google.com agli utenti Americani) è necessario cliccare nella funzione Nearby nel pannello delle opzioni ri ricerca come mostrato nella figura seguente:

Entrati nella funzione Nearby è sufficiente inserire la propria posizione (settabile anche come location di default) e poi lanciare la ricerca e analizzare i risultati.

L’introduzione di questa funzione è l’ennesima dimostrazione di come il mondo del searching stia cambiando… infatti ad oggi non è più sufficiente trovare una risposta alle proprie domande ma è ora è diventato di fondamentale importanza integrare le informazioni social tra i parametri di ricerca per integrere l’esperienza utente e rendere l’attività di ricerca sempre più interessante e reale!

Voi quanto utile ritenete questa funzione e in generale le funzioni social nei risultati di ricerca?


8 Responses

  • Clelia/ 28 Feb 10 @ 12:19 PM

    Mah, sì, utile lo è sicuramente. La vedo come un completamento ‘fisiologico’ della ricerca su mobile, in effetti. Ora mi piacerebbe che estendessero la funzione ‘nearby’ su computeranche agli altri strumenti social – buzz e wave.

  • Stefano/ 28 Feb 10 @ 12:28 PM

    beh la funzione di localizzazione di buzz è già possibile accedervi tramite qualsiasi computer e non solo tramite smarthphone… basta collegarsi all’indirizzo di buzz mobile mediante il proprio computer:-) Ovviamente se lo integrassero di default sarebbe molto ma molto meglio…

  • Clelia/ 28 Feb 10 @ 1:59 PM

    Lasciami dire che non è il massimo… né per la ‘riduzione’ d’interfaccia, né per la visualizzazione; quando si decideranno a ordinare i risultati per cronologia sarà utilizzabile bene, così è un po’… superfluo.

  • Clelia/ 28 Feb 10 @ 5:35 PM

    btw: forse ti connetti con qualche chiavetta e la localizzazione diventa possibile; per chi usa un router la località non è disponibile comunque, neanche usando l’identificazione del browser come ‘mobile’. Qualche altro barbatrucco?

  • Stefano/ 28 Feb 10 @ 5:55 PM

    il trucco è collegarsi all’indirizzo http://m.google.com/app/buzz con il browser Chrome. A questo punto ti dice che il servizio è supportato solo da android 2.0 o successivi e da iPhone ma ti chiede se vuoi entrare in modalità supportata e clicchi su quel pulsante e vedi buzz come se fosse su iPhone.

  • Clelia/ 28 Feb 10 @ 5:59 PM

    Stefano, questo non è un trucco, è fattibile da qualsiasi browser, e funziona allo stesso modo usando il menu sviluppo di safari, e scegliendo di identificarsi come browser mobile. Il fatto è che la geolocalizzazione su dispositivi fissi non è disponibile. Se clicchi su ‘persone vicino a me’ ottieni un bel ‘località non disponibile’. Mi riferivo a quest’ultima parte.

  • Stefano/ 28 Feb 10 @ 6:07 PM

    scusa non avevo capito ti riferissi a questa parte. Quando avevo provato a collegarmi a buzz mediante il mio macbook pro mi sono collegato con la chiavetta vodafone e aveva funzionato poi non mi sono più connesso.

  • Clelia/ 28 Feb 10 @ 6:09 PM

    Ecco, allora era come supponevo: geolocalizzazione possibile solo con connessioni dirette come quelle con chiavetta, altrimenti… E mentre su iPhone, passando da router, viene comunque usata una triangolazione per approssimazione, sui fissi niet. :)

Leave a Reply