Better Software 2011: Secondo Giorno

Posted by Stefano |28 Jun 11 | 6 comments

Sta per iniziare il secondo , e conclusivo, giorno di Better Software! Il primo giorno è stato interessantissimo con Talk sul Cloud Computing e User Experience con tanti spunti e idee da rivedere con calma ed applica ai vari progetti.

Nel seguito di questo post, come già avvenuto ieri, troverete gli aggiornamenti di quanto seguirò in questa seconda giornata della conferenza che inizierà con il Talk: ” Il programmatore e le sue Api”

La presentazione è stata molto piacevole ed ha evidenziato, anche se velocemente per mancanza di tempo, tutte le fasi dello sviluppo di un progetto … Che inizia con la scelta della filosofia da utilizzare per la gestione del progetto ( iterativa o agile ) per passare poi allo studio di fattibilità, analisi, sviluppo e attività di marketing… Si è trattato di un intervento molto interessante per via della capacità di dare degli spunti interessanti e soprattutto per aver suggerito al pubblico strumenti e riferimenti di strumenti da usare in ogni fase

20110628-112054.jpg

Il secondo Talk ” Cowboy programming e l’arte del copia e incolla” ha presentato il problema dell’enorme carico di sviluppo che poche persone si trovano ad affrontare all’interno di aziende ( definizione di Cowboy Programming) e come la scelta di ricorrere a progetti open invece di sviluppare codice da zero può permettere di snellire e ridurre questo carico di lavoro sugli sviluppatori.

20110628-112950.jpg

Successivamente, dopo due presentazioni più tecniche, ho pensato di affrontare il talk sull’impiego delle soluzioni open source in azienda. In questo intervento, dopo una fase introduttiva sulle tipologie di licenze principali open source ( GPL, LGPL ecc) il focus della presentazione si è concentrato principalmente sui vantaggi e svantaggi dell’utilizzo della filosofia open in azienda:

Il rilascio di un software aziendale con licenza open source porta i seguenti vantaggi:

– porta alla creazione di una community attorno al vostro prodotto.
– Aumenta la sicurezza del codice in quanto è rivisto da più persone.
– I clienti hanno più fiducia perchè, in caso di vostro fallimento, il progetto può essere ripreso da altri.
– Aumenta il valore di immagine vostra azienda.

Ovviamente non ci sono solo pregi di una filosofia open in azienda ma ci sono alcuni svantaggi come:

– perdita di vantaggio competitivo strategico: se una cosa la sa fare solo la vostra azienda, rilasciandola open questa può essere copiata dai competitors.
– Errori nella valutazione del modello di business
– Problemi lagali dovuti all’errato utilizzo della licenza.
– Se il progetto open si cerca di controllarlo solo in azienda questo rischia di demotivare la community mentre, se il progetto si lascia troppo libero si rischia di perdere il focus originale… Quindi in azienda bisogna valutare bene il giusto approccio da usare in questo ambito.

La mattinata si è conclusa con una bellissima presentazione su trucchi di sviluppo e consigli marketing sull’androide Market.
In questo intervento molto bene strutturato è stata riportata l’esperienza di uno sviluppatore che ha rilasciato due App nell’android Market.
Il relatore ha posto l’attenzione inizialmente sul funzionamento del Market affermando che l’ordinamento usato nelle varie categorie del Market si basa su 3 fattori come:
1) numero di download
2) numero di commenti
3) risultati delle valutazioni

Per poi passare fare delle valutazioni sui 4 modi di distribuire un app nel Market ( free, free con pubblicità, pagamento e in app purchase) e poi fare un breve confronto con i Market alternativi… Concludendo poi con le problematiche dello sviluppo per android quali pirateria, e frammentazione delle versioni di OS e risoluzioni e densità dei monitor

20110628-052515.jpg

Il pomeriggio è iniziato con una presentazione interessante in merito alle Code Review (CR).
Le CR sono una pratica importante per lo sviluppo del software in quanto il controllo del codice a due, quattro , sei o più occhi consente di identificare errori e miglioramenti che il produttore del codice no sarebbe in grado di identificare…. Purtroppo, per una questione di costi , la pratica della CR non viene molto utilizzata creando del codice meno efficiente.
La presentazione poi si è spostata ad un confronto tra il concetto di CR e PC (pair programming) che spesso viene confuso ma che in realtà sono aspetti completamente diversi… Infatti il pair programming è lo sviluppo di codice a 4 mani ma che con il tempo porta le due persone pensare e vedere le cose allo stresso modo e quindi necessita anch’esso di revisione per produrre del codice corretto ed efficiente.

20110628-053412.jpg

Dalle code review poi sono passato ad un talk completamente tecnico in cui sono state illustrate varie tecniche per il testing di software di app su android… Iniziato con le tecniche spiegate nel sito dei developer di google per poi passare a tecniche come monkeyrunner che permettono di testare il funzionamento di un app via codice simulando click ed azioni dell’utente… Un talk molto tecnico ed interessante.

Dopo due talk tecnici sono passato ad una presentazione legata al management ed estremamente piacevole sia per il modo in cui è stata presentata che per i contenuti… Proprio per questo non lascerò nessun resoconto su questa presentazione per non rovinare o influenzare il piacere nel vedere il video dell’intervento che sarà pubblicato prossimamente sul sito Better Software.

20110628-063727.jpg

Successivamente ho seguito un intervento intitolato “Anti-if per manager” in cui un simpatico relatore ha inizialmente spiegato le quattro tipologie di Manager ( semplice, manager convinto, antiproduttivo e cattivo) per poi introdurre a tecniche che i manager devono adottare per comprendere la qualità e l’evoluzione degli sviluppi di un software dai programmatori per capire se otterranno il premio produzione o se il manager dovrà cercare una nuova occupazione.

20110628-064503.jpg

Il talk, conclusivo della terza edizione di better software, che ho seguito è stata una presentazione il cui scopo era quello di evidenziare l’importanza delle community interne ed esterne alle aziende per aumentare le competenze delle persone di un’azienda e anche delle singole persone che vogliono continuare a crescere ed imparare in un settore dinamico ed in continua evoluzione come l’informatica.
Secondo il relatore, e condivido pienamente la sua filosofia, è importante che all’interno delle aziende si formino delle piccole community per argomento in modo tale da discutere su temi comuni per accrescere le competenze delle persone. purtroppo se questo non è possibile allora le persone devono provvedere autonomamente all’aumento delle loro competenze iscrivendosi ad community online ed incontrarsi ad eventi come better software per discutere e confrontarsi… Questa necessità di confrontarsi, imparare a socializzare sta portando ad isolare gli sviluppatori individuali e chiusi per lasciare spazio a sviluppatori sociali.
Partecipare ad una community:

1) Permette di rimanere aggiornati con l’evoluzione delle nuove tecnologie.
2) Permette la possibilità di verificare le proprie idee.
3) Permette di condividere il proprio lavoro con altri.
4) Permette di verificare come alcune soluzioni possono essere applicabili su altri contesti.
5) Permette di favorire la conoscenza di persone in pochi passi ( io conosco tizio e tizio conosce caio …quindi io posso arrivare velocemente a caio)
6) Permette di accrescere le nostre competenze tecniche perchè si discute con altri esperti e c’è sempre qualche cosa di nuovo da imparare.

E con questo ultimo talk è calato il sipario sulla terza edizione della Better Software evento che consiglio a tutti per la qualità dei talk e l’organizzazione e precisione con cui è organizzato l’evento. In più perchè questa conferenza permette di incontrare e conoscere molte persone motivate e competenti con cui discutere e confrontarsi per aumentare le proprie competenze , perchè come detto in precedenza, il confronto, la voglia di ascoltare ed aprire le proprie idee ed opinioni con altri permette di migliorarci sia tecnicamente che come persone!

Che dire … Arrivederci all’ edizione del prossimo anno!


6 Responses

  • Fabio Collini/ 28 Jun 11 @ 11:05 PM

    Ciao, d’accordo con te, molti talk interessanti oggi (a parte il mio!)
    Grazie per la descrizione del mio talk, ma forse hai esagerato un pochino…
    Hai definito la mia una “bellissima presentazione” (come darti torto), quella di Alex Martelli “presentazione interessante” e soprattutto Francesco Cirillo un “simpatico relatore”! ;)

  • Stefano/ 28 Jun 11 @ 11:44 PM

    Dovevo trovare un modo per definire ogni presentazione sia per gli spunti che offriva e per il modo in cui veniva presentata… Da parte mia, e per quello che sto portando avanti, la tua presentazione è stata bellissima perchè ha fornito molti più spunti di interesse rispetto ad altre presentazioni … Le code review sono molto importanti in un processo di sviluppo software, e vengono poco considerate, ma si trattare un argomento così importante in 40min può fornire solo delle basi su cui riflettere per il futuro e quindi l’ho catalogato come interessante….In fine Francesco Cirillo l’ho definito un “simpatico relatore” perchè la presentazione dell’anti if era piacevole da seguire pur trattando di argomenti difficili.

    Spero di aver chiarito il modo in cui ho usato i termini e spero di non aver offeso nessuno anzi … La scelta di raccontare l’evento, riportando tra le righe le sensazioni di cosa e chi mi ha colpito di più è voluto.

  • Fabio Collini/ 28 Jun 11 @ 11:54 PM

    Se passi da Firenze dimmelo che dopo tutti questi complimenti ti offro almeno un caffè!
    Il mio commento era dovuto al fatto che ho una grande stima di loro due, io sono contento anche solo per essere stato speaker a una conferenza in cui parlavano loro!

  • Stefano/ 29 Jun 11 @ 12:07 AM

    E chi non ha stima per loro due!! Il bello delle conferenze e dei commenti successivi è proprio vedere che ogni persona trae da ogni intervento nozioni diverse a seconda delle proprie esigenze lavorative e personali.
    Se vuoi offrirmi domani il caffè x me va bene… Rimango a Firenze fino alle 14 :-)

  • Fabio Collini/ 29 Jun 11 @ 6:35 PM

    Scusami ma dopo due giorni di bettersoftware le cose da fare rimaste indietro erano tante!
    Il caffè te l’offro la prossima volta!

  • BetterSoftware 2011 - Diario della conferenza | Cose Non Javiste/ 08 Jul 11 @ 9:01 AM

    […] vedere che il talk è stato apprezzato dai blogger ufficiali dell’evento Fabrizio Ciacchi e Stefano Dindo, ma anche da MokaByte. Grazie a tutti! Per chi si è perso la presentazione in diretta qui sotto ci […]

Leave a Reply