Dal 1998 al 2011: La rivoluzione della comunicazione

Posted by Stefano |08 Jan 12 | 0 comments

Finalmente ritorno a scrivere dopo un periodo veramente intenso ed in cui sono stato veramente poco presente… vi sono mancato ??
Il 2012 è già iniziato e per il momento si sta dimostrando frenetico ed impegnativo come era avevo previsto … vi chiedo ancora ancora alcuni mesi per stabilizzare la mia nuova vista e poi vedrò scrivere con più frequenza in queste pagine. Ma bando alle chiacchere inutili … iniziamo subito con un nuovo articolo.

In questi ultimi mesi di rivoluzione ho avuto modo di riflettere su come la mia modalità di comunicare sia cambiata radicalmente dal lontano 1998 (primo cellulare) al 2011 (Era di Twitter ).

Ho voluto raccogliere questo cambiamento in un’ infografica (spero apprezzerete il mio sforzo grafico visto che sono negato per queste cose) suddivisa in tre blocchi.

Nel 1998 ho acquistato il mio primo cellulare un Motorola StarTac con il quale è iniziata la mia vita in mobilità. In quel periodo, ancora ragazzino agli inizi delle superiori, comunicavo principalmente con SMS e le telefonate e mai avrei pensato una rivoluzione così intensa nella comunicazione.

L’evoluzione tra il 1998 e il 2000 è stata lenta e con poche novità di rilievo nel mondo della telefonia infatti, i cambiamenti si concentravano su funzioni marginali come delle piccole novità su editor di testi, introduzione delle fotocamere ma nulla da far gridare al miracolo.

Tra il 2001 e il 2004 si iniziava ad intravedere un nuovo trend di comunicazione in quanto, se pur limitato dalla connessione a 56k, il mio modo di comunicare ed interagire si spostava dai classici SMS e telefonia a E-Mail e programmi di istant messaging ma non era ancora il momento delle mail sul cellulare.

Il vero boom mediatico però è avvenuto nel 2005 quando finalmente ho avuto la possibilità superare il problema del digital divide della mia zona (che tuttora esiste per colpa di Telecom) grazie alla tecnologia HyperLan di Trivenet.
L’arrivo della banda larga ha rivoluzionato la mia comunicazione passando da un 78% SMS, 10 % telefonia, 10% Istant-Messaging, 4% Email dagli inizi del 2005 ad un predominio della posta elettronica negli anni successivi.

Il vero salto generazionale però è iniziato nel 2007 con il primo iPhone ed i primi abbonamenti dati mobili che hanno favorito la consultazione della posta elettronica in mobilità.

Il dominio della posta elettronica nella mia vita digitale però si sta già indebolendo con l’arrivo dei Social Network e la diffusione delle App che ha veramente rivoluzionato tutto il panorama della comunicazione tanto da cambiare completamente in pochi anni le mie abitudini… infatti, come si può vedere dall’infogracia, più del 70% della mia comunicazione passa tramite il Web con le E-Mail ancora al primo posto ma che sono insidiate da Twitter sia come mezzo di discussione con i miei amici che come fonte di informazione, per poi passare a skype per le chiamate vocali e WhatsApp, Viber e iMessage in sostituzione degli SMS …

Nel 2011 SMS e telefonia tradizionale sono relegati ad una percentuale molto bassa delle mie attività passando da un 100% del 1998 ad un 17 % attuale.

Si può dire che dal 1998 ad oggi c’è stata una vera e propria rivoluzione basata su tre aspetti: connettività a banda larga, Connettività in mobilità e Social Network ed App.
Il vero motore di questa rivoluzione è Internet che permette di connettere persone, far interagire servizi e prodotti. La voglia sempre delle persone di la rete Internet ha portato grandi cambiamenti. Io, come molte altre persone continuo a ripetere che Internet è vero motore dell’innovazione attuale e del prossimo futuro … speriamo che l’Italia si svegli e spinga fortemente nel ridurre il digital divide e consentire alle aziende e persone che vogliono costruire il loro successo sul Web di farlo perchè solo con un accesso ad internet si può competere ed interagire al meglio con il resto del mondo!

E voi com’è cambiata questa percentuale negli anni? Attendo numerosi i vostri commenti.


No Responses

Leave a Reply